MENU CHIUDI

IN CORSO

Si avvisano i visitatori che il Museo Civico Floriano Bodini, fino al 9 marzo 2024, sarà aperto solo su prenotazione ai seguenti contatti: +39 3397596939 o museobodini.comunicazione@gmail.com

 

DAL 9 MARZO

 

Sabato 9 marzo alle ore 16.30 inaugura al Museo Civico Floriano Bodini la mostra personale di Carola Mazot “Oltre lo sguardo, gli anni Sessanta a cura di Atelier Mazot Milano. L’esposizione presenta una selezione di opere realizzate tra gli anni Sessanta e il decennio seguente, dalla pittrice di origini venete, ma cresciuta a Milano nel pieno Novecento, tra l’Accademia di Brera, le frequentazioni con artisti e la passione, tra le altre, per la musica.

Questa mostra nasce dal desiderio di dedicare un’esposizione al primo periodo della produzione artistica di Mazot, gli anni Sessanta, i cui soggetti sono l’essere umano e il suo volto. Una serie di volti singoli o in coppia, che ne rivelano l’anima interiore misteriosa e potente, con una tensione verso la dimensione spirituale. (Atelier Mazot Milano)

“Gli anni centrali del Novecento e la figura umana. Questi due elementi sono da sempre tracce che veicolano le scelte espositive al Museo Civico Floriano Bodini. Solchi che lo stesso Maestro al quale il Museo è dedicato, ha vissuto, percorso, scavato, affondato, scalato, per tutta la vita. Gli anni che vengono indagati nelle opere della pittrice veneta Carola Mazot, selezionate per la mostra “Oltre lo sguardo” al Museo di Gemonio, sono quelli dei due decenni che vedono a Milano, il dissolversi del Realismo Esistenziale, ma allo stesso tempo non vedono in lei l’allontanamento dallo studio e dall’indagine della figura umana. Volti di donne e uomini, in solitaria o in coppia, che si stagliano su uno sfondo indeciso, impreciso, impalpabile. Una visione cromatica che ben descrive la situazione storica, le dinamiche umane che nell’atmosfera milanese si vivevano in questo periodo. E poi la musica, le note del violino che la stessa pittrice ascoltava alle lezioni della figlia in conservatorio, donano quel tocco di spensieratezza mancante. La figura di Carola Mazot dona un nuovo sguardo, al femminile, sulla pittura milanese degli anni Sessanta, invitando, fin dal titolo della mostra, ad andare oltre a ciò che si vede e scavare negli occhi di figure senza tempo” (Lara Treppiede – Direttore Museo Civico Floriano Bodini)

Carola Mazot (Valdagno 1929-Milano 2016) pittrice veneta di nascita, vissuta a Milano, figura femminile dirompente, sempre fuori da schemi precostituiti, operando in ambienti quasi esclusivamente maschili, ha sempre seguito i suoi impulsi stilistici personali dedicando la sua intera esistenza all’arte, con caparbietà e determinazione ottenendo numerosi riconoscimenti nazionali e internazionali.

Carola Mazot. Oltre lo sguardo, gli anni Sessanta
Inaugurazione a ingresso libero sabato 9 marzo ore 16.30
dal 9 marzo al 7 aprile 2024
sabato e domenica 10.30-12.30/15.00-18.00
da lunedì a venerdì su appuntamento +39 3397596939
ingresso 3/5 euro
Museo Civico Floriano Bodini
Via Marsala, 11
21036 Gemonio (VA)
info@museobodini.it
www.museobodini.it